SARS CoV-2. 27 agosto: 50 nuovi positivi di cui 17 a Palermo.

il tar sospende l'ordinanza di musumeci

Report quotidiano di Fonso Genchi.

Oggi sono 50 i nuovi positivi in Sicilia. Tra essi non ci dovrebbero essere migranti. Così la ripartizione per province: 17 a Palermo, 16 a Catania (di cui 7 provenienti da paesi esteri), 7 a Messina (1 proveniente dalla Croazia, 5 tornati dalla Sardegna), 7 a Siracusa 3 a Ragusa (2 di ritorno da Malta).

Tra i positivi del Palermitano, 5 giovani recatisi ieri sera al pronto soccorso dell’ospedale “Cervello” di Palermo e finiti ricoverati – 3 di essi con polmonite – nel reparto di malattie infettive; tra di loro anche una donna incinta.

Tra i positivi del Messinese, come dicevamo, 5 giovani tornati dalla Sardegna ed uno tornato dalla Croazia. Di essi, 5 sono del capoluogo e 1 di un comune sulla costa tirrenica. Sono una settantina gli attuali positivi del Messinese di cui 7 sono ricoverati nei reparti di malattie infettive e 3 in terapia intensiva. Tra i ricoverati anche una donna novantenne del gruppo familiare del comune di Sant’Agata Militello collegato con i rientri da Malta.

Dopo la turista spagnola trovata ieri positiva all’aeroporto di Palermo-Punta Raisi, i controlli con test rapidi danno oggi il loro frutto anche all’aeroporto di Catania-Fontanarossa: trovato positivo uno spagnolo che adesso si trova in quarantena nel covid-hotel di Fondachello.

Intanto il TAR di Palermo ha sospeso l’ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci sullo sgombero degli hotspot. Il presidente della Terza sezione di Palermo, Maria Cristina Quiligotti, ha accolto l’istanza cautelare presentata dal Governo e ha sospeso l’esecutività del decreto del Presidente Musumeci. La camera di consiglio è stata fissata per il 17 settembre prossimo. Musumeci ha fatto sapere sulla propria pagina Facebook che “Quella adottata dal magistrato del TAR di Palermo è una decisione cautelare che non condividiamo e che è stata assunta senza neppure ascoltare la Regione, come può essere concesso a rischiesta della parte e come noi abbiamo formalmente chiesto, non avendo potuto depositare le nostre difese“.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.