SARS CoV-2. 24 agosto: in Sicilia solo 7 nuovi casi + 58 migranti

21 guariti. 1 in meno in terapia intensiva

Report quotidiano di Fonso Genchi.

Oggi in Sicilia sono soltanto 7 i nuovi casi autoctoni di positività al CoV-2, ai quali vanno sommati, secondo i criteri del Ministero, ben 58 casi di migranti ospiti dell’hotspot di Lampedusa.

Questa la ripartizione per provincia: 59 a Palermo (di cui 58 migranti), 3 a Catania, 1 ciascuno a Messina, Ragusa e Siracusa.

Stanotte scade il termine per lo sgombero degli hotspot. L’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha firmato una circolare «urgentissima» per l’esecuzione dell’ordinanza del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, indirizzata alle ASP e alle Prefetture, disponendo di effettuare «una celere ricognizione e puntuale indicazione del numero dei soggetti migranti, attualmente ospitati all’interno dei centri di accoglienza/hotspot insistenti sulla provincia di pertinenza, o altro genere di strutture eventualmente interessate dalle disposizioni dell’ordinanza regionale, specificando altresì il numero dei soggetti già accertati positivi al contagio da Covid-19». Nonostante il Ministero dell’Interno abbia fatto sapere in via informale che reputa l’ordinanza di Musumeci illegittima, fintanto che non si abbia l’eventuale sospensiva in seguito a ricorso dello Stato, rimane valida; tocca capire se i Prefetti, adesso, decideranno di dare corso ad essa o si rifiuteranno per ordine del Ministero dell’Interno. E’ chiaramente in atto uno scontro istituzionale tra Stato e Regione, in cui viene a galla la oramai settantennale questione dell’inattuazione dello Statuto di Autonomia. Intanto l’agenzia ANSA fa sapere che sono in corso a Trapani le operazioni di sbarco dalla nave quarantena “Azzurra” dei 602 migranti, risultati tutti negativi al tampone. Si procederà adesso alla loro identificazione I richiedenti asilo saranno trasferiti nei Cas, i minorenni non accompagnati negli Sprar. Gli altri migranti nei posti disponibili nei Cpr.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.