SARS CoV-2. 16 agosto: 39 nuovi positivi, di cui 5 migranti e 10 rientri da Malta

oggi si registra un decesso: un anziano di Catania

Report quotidiano di Fonso Genchi.

39 i nuovi positivi di oggi; tra di essi 5 migranti e 10 giovani rientrati da viaggi a Malta.

Così la ripartizione per province: 12 a Catania, 9 a Ragusa, 8 a Trapani, 5 a Palermo (di cui 4 migranti), 4 a Siracusa (di cui 1 migrantee 1 a Messina.

I ricoverati salgono a 56 e, dopo 12 giorni, purtroppo, si torna ad avere un decesso: nella serata di ieri è morto un anziano di Catania.

Tutti i 9 nuovi positivi registrati nella provincia di Ragusa sono relativi a una casa di riposo per anziani di Modica. Sono 5 i pazienti positivi mentre gli altri 4 casi riguardano il personale. Una paziente anziana è in terapia intensiva.

Piccolo boom di casi nel trapanese che passa da avere soltanto 7 attualmente positivi a 15. Degli 8 nuovi casi, 7 sono viaggiatori (4 di Trapani, 2 di Erice e 1 di Paceco) contagiati dal passeggero del bus Trapani-Palermo, un lavoratore pendolare che era positivo senza saperlo; due di essi sono medici. Nei prossimi giorni potrebbe aversi qualche altro caso legato a questo episodio.

Intanto si apprendono i dettagli sui nuovi casi registatisi in provincia di Messina negli ultimi giorni: 2 casi a Gioiosa Marea, 1 a Montalbano Elicona (un palermitano rientrato da Malta), 1 a Torregrotta (un turista che ha manifestato già il giorno dopo il suo arrivo lievi sintomi). In totale sarebbero 8 i pazienti ricoverati al Policlinico di Messina per covid-19 (i 7 pazienti dell’Ortopedico di Ganzirri e un turista del nord Italia); 2 sono in terapia intensiva.

Infine, prestissimo sarà attuato il piano che prevede controlli e tamponi nei principali aeroporti siciliani sui voli provenienti da Spagna, Grecia, Croazia e Malta e nei porti di collegamento con Malta, secondo le direttive del Ministero e della stessa regione Siciliana.

Nei grafici un confronto tra i primi 36 giorni di epidemia in Sicilia e gli ultimi 36 che rappresentano un po’ una specie di seconda ondata:

 

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.