Ricordi di infanzia ed elaborazioni mentali in immagini abilmente dissociate

le 14 tele di Marco Favata in mostra dal 10 novembre da "Studios"

Le “progressioni dissociative” di Marco Favata in una personale che affonda nella sua infanzia trasformando immagini che non perdono la loro identità 4

 S’intitola “Progressioni Dissociative” la personale di Marco Favata che si inaugura alle 19 di venerdì 10 novembrenegli spazi di Studios,  in via Notarbartolo 36.

Curata e organizzata da Graziella Bellone, la mostra comprende 14 tele in acrilico in cui l’artista palermitano, attraverso nuove prospettive formali ed estetiche come anche nuovi criteri dinamici e interpretativi, si cimenta nella pittura di soggetti che affondano le radici nei ricordi della sua infanzia, nella sua vita interiore o nella sua elaborazione mentale, dissociando l’immagine ma mantenendone al tempo stesso la specificità.

thumbnail_2Praticamente quello che accade nel ciclo di opere chiamate “Tauromachia”e nel suo ultimo studio sulla figura umana, dove Marco Favata sviluppa una dissociazione che, da orizzontale e verticale, diventa obliqua e astratta, traducendosi in un’energica e prorompente veste grafica.

“Progressioni Dissociative”  sarà visitabile fino al 25 Novembre, dal martedì al sabato, dalle 17,00 alle 19,00. L’ingresso è gratuito.

Palermo, 8 Novembre 2017

Gilda Sciortino

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*