FANNO ACQUISTI CON BANCONOTE FALSE

I CARABINIERI ARRESTANO DUE FRATELLI

I Carabinieri della Stazione di Baucina hanno tratto in arresto due fratelli residenti a Misilmeri, LOCA’ Girolamo di anni 28 e LOCA’ Giuseppe Ivan di anni 22.

thumbnail_3I due erano stati notati dai Carabinieri mentre sostavano nei pressi di una rivendita di generi alimentari del centro abitato a bordo di un’utilitaria.

Insospettiti dal fatto che mentre uno dei due si recava a fare acquisti, l’altro aspettava a bordo del veicolo a distanza e con il motore acceso, i militari hanno deciso di attendere e seguire il veicolo osservandone i movimenti con discrezione.

Il successivo controllo dei Carabinieri è scattato quando uno dei due soggetti che si era recato all’interno di un altro market di alimentari, usciva di corsa dall’esercizio commerciale, fuggendo a bordo del veicolo condotto dal complice il quale, alla vista del veicolo dell’Arma, tentava di guadagnare la fuga dirigendosi fuori dal centro abitato. L’inseguimento terminava dopo alcuni chilometri quando i militari riuscivano a raggiungere e bloccare il veicolo e gli occupanti.

La successiva perquisizione dei due fratelli e del veicolo permetteva di rinvenire e sequestrare ben 30 banconote false da € 20 per un totale di  € 600, peraltro di ottima fattura e difficilmente riconoscibili.thumbnail_LOCA GIUSEPPE IVAN

I Carabinieri accertavano che i due soggetti avevano già effettuato la spendita di banconote false in due esercizi commerciali di Baucina dove avevano acquistato diversi generi alimentari, incassando il resto in danno degli esercenti.

La mercthumbnail_LOCA GIROLAMOe acquistata e rinvenuta nelle disponibilità dei malviventi unitamente alle banconote genuine date in resto dagli ignari commercianti, venivano restituite alle vittime.

Dopo le formalità di rito i due malviventi sono stati tradotti presso le proprie abitazioni in regime di arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo conclusosi con la convalida degli arresti e la sottoposizione dei due all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*