A Bagheria la TARI costerà il 15% in meno per chi fa compostaggio

 Riduzione della Tari a chi effettuerà il compostaggio domestico, a deciderlo la Giunta comunale bagherese,

La tari,  la tassa relativa alla gestione dei rifiuti, stabilita dai comuni per coprire i costi di smaltimento e raccolta degli RSU, potrà essere ridotta del 15% se i cittadini bagheresi effettueranno il compostaggio sulla scorta di quanto disposto dall’art. 37 della L. 221/2015.Rifiuti (2)-2-2

Chi realizzerà nel proprio giardino di casa, o su un balcone un compost dimostrabile avrà diritto alla riduzione della tariffa. Il compostaggio è un processo biologico di decomposizione di rifiuti organici, come gli scarti di cucina da parte di insetti, batteri e funghi che agiscono in presenza di ossigeno.

La produzione di compost in ambito domestico consente una migliore gestione dei rifiuti organici con benefici per il comune di residenza e per l’ambiente.

Chi provvede, autonomamente, al compost domestico e desidera beneficiare della riduzione sulla tassa dei rifiuti, dovrà presentare un’apposita istanza presso

La richiesta potrà essere eseguita sia su carta libera che su un apposito modulo che si sta predisponendo, da presentare al Servizio Rifiuti del Comune.

Prossimamente verrà organizzato un evento, di cui daremo notizia nei prossimi giorni, non solo per spiegare come compostare ma anche per ragionare sulla strategia rifiuti zero a Bagheria.
Nello specifico è bene sapere che gli scarti alimentari (come residui di frutta e verdura, fondi di the e caffè, gusci di uova, avanzi di cibo, ma anche scarti del giardino e dell’orto come potature, foglie secche, fiori appassiti, erba secca) vengono usati per il compostaggio, quindi vengono inseriti in una compostiera, il contenitore in cui i rifiuti organici diventeranno compost.

Il prodotto collocato nella compostiera matura col passare del tempo, di solito dai 3 ai 12 mesi, diviene compost da usare come concime naturale. La compostiera deve essere collocata in un luogo del terreno di casa senza fango e ristagni, all’ombra, assicurando il drenaggio della terra posizionandola su una base rialzata, sempre di terriccio. Gli scarti che si inseriscono devono essere ben miscelati, in modo che ossigeno, carbonio e azoto forniscano alimento per i batteri che si producono. Gli scarti umidi come gli avanzi di cucina vanno miscelati a quelli secchi come le foglie, paglia e trucioli. Altro passaggio importante è garantire agli scarti inseriti nella compostiera un certo grado di umidità.. Per utilizzare il compost come concime per l’orto e le piante si deve però attendere un tempo variabile tra i 4-6 mesi (si ottiene un compost fresco utile per ortaggi, cavoli, patate); 8-10 mesi anche 12 per concimare piante in vaso e fiori.

“Bagheria – afferma Patrizio Cinque, sindaco di Bagheria – sta investendo energie e risorse per razionalizzare e ottimizzare la gestione dei rifiuti. L’attenzione su questo tema è molto alta, anche per rispettare gli obiettivi fissati dalla UE e per tutelare sempre di più il nostro ambiente e il  futuro coinvolgendo attivamente la comunità. Con questo obiettivo stiamo portando avanti azioni differenziate, quali il porta a porta, la riorganizzazione della raccolta, una crescente sensibilizzazione dei cittadini, oggi lanciamo la possibilità di ottenere lo sconto se si farà il compost. Con la pratica del compostaggio domestico oltre a poter ridurre la quantità di rifiuti raccolti dal servizio pubblico e a permettere di ottenere prezioso humus, si offre un vantaggio economico ai cittadini e alle imprese”.

M.M.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*