I ragazzi di Sottosopra, insieme all’amministrazione, per rivalutare Danisinni

“Danisinni non è solo un posto lugubre in cui nessuno vuole venire – racconta Fabio – ci sono molte persone che hanno a cuore la vita di questo quartiere”. Lui ha 15 anni e fa parte di Sottosopra Palermo. Fabio Rizzo è uno dei venti ragazzi che il 23 gennaio ha incontrato l’assessore Catania, con l’obiettivo di migliorare il  quartiere Danisinni. L’incontro, svoltosi al centro Tau, ha visto i giovani esporre le proprie idee. “Vorremmo ripulire la scalinata – dice Esdra all’assessore – decorarla di giallo, verde, scrivere qualche citazione che possa ispirare chi passa di lì”. I ragazzi vogliono partire dalle piccole cose per rivalutare il loro quartiere.  La scalinata, unico punto di collegamento pedonale tra il quartiere della Zisa e Piazza Danisinni, è uno dei luoghi che i ragazzi hanno più a cuore, ma non l’unico. Nel progetto di rivalutazione anche il biostagno, l’asilo abbandonato, la grotta e la piazza. “Abbiamo l’obbligo di raccogliere la sfida che ci avete lanciato” risponde l’assessore Catania ai giovani di Sottosopra, dopo essersi complimentato per  l’approccio positivo e l’attivismo politico dei ragazzi: “Politica significa occuparsi della vostra città, del vostro spazio, ed è quello che state facendo oggi”.

Maria Vera Genchi

I ragazzi di Sottosopra

 

 

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*