FURTI AL CENTRO COMMERCIALE “FORUM E “LA TORRE”

I CARABINIERI ARRESTANO IN DUE OPERAZIONI DISTINTE QUATTRO PERSONE

PALERMO: i Carabinieri hanno intensificato, con mirati servizi, i controlli all’interno dei megastore onde prevenire il furto di merce varia, dagli alimenti all’hi-tech. A tal proposito, venerdì 13 gennaio c.a., i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato per furto aggravato, Pipitone Santo, nato a Palermo, classe 1972, domiciliato a Ficarazzi. L’uomo è stato  sorpreso mentre, dopo essersi introdotto presso il megastore del centro commerciale “Forum”, caricava il carrello con un televisore 32 pollici ed alimenti vari per un valore complessivo di circa 600 euro e si portava alla cassa, nel tentativo, fallito, di portare via, il tutto, senza pagare.thumbnail_Intervento furto Ipercoop

L’arrestato è stato accompagnato presso la propria abitazione in attesa del rito per direttissimo. Dopo la convalida dell’arresto l’uomo è stato rimesso in libertà in attesa del processo.

Sempre venerdì 13 gennaio, questa volta, i Carabinieri della Stazione di Borgo Nuovo hanno arrestato per furto aggravato tre giovani donne : L. r. nata a Palermo, classe 1982, C.a. nata a Palermo, classe 1991 e F. r. m. nata a Palermo, classe 1998.

Le tre sono state sorprese ad asportare all’interno del centro commerciale “La Torre” diversi generi alimentari per un valore di circa 200 euro.

Le donne, di cui una, con al seguito il bambino, nel passeggino, entravano nel megastore e mentre, una faceva da palo, l’altra prendeva la merce e la caricava su una borsa appoggiata al passeggino spinto da una delle tre. Riempita detta borsa le tre sono passate autonomamente a trafugare la merce e introdurla nelle borsette che avevano a tracolla riempendole fino al possibile tanto è vero che alcuni prodotti vengono dalle stesse privati della confezione onde poterli introdurre nelle sacche.

Tradotte agli arresti domiciliari, sono state, poi, processate con il rito direttissimo. Dopo la convalida degli arresti le tre sono state rimesse in libertà in attesa del processo

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*