Operazione Ermes 2: fiato sul collo del super latitante Matteo Messina Denaro

All’alba di martedì 20 settembre l’operazione denominata “Ermes 2” ha confermato i contatti tra il clan mafioso di Mazara del Vallo, retto da Vito Gondola e quello di Castelvetrano, con a capo il super latitante Matteo Messina Denaro. Gli uomini della squadra mobile di Trapani, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, hanno eseguito undici misure cautelari e posto i sigilli a tre imprese controllate da Cosa nostra. Durante le indagini sono stati scoperti degli accordi per la divisione degli appalti. Cosa nostra si era infiltrata, tramite delle imprese prestanome, nei lavori per la realizzazione del parco eolico di Mazara del Vallo e nei lavori di ristrutturazione dell’Ospedale. Nell’operazione sono stati impegnati settanta uomini della Polizia di Stato di Trapani, Palermo, Mazara del Vallo e Castelvetrano. Tra gli undici provvedimenti emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo sette obblighi di dimora e quattro custodie cautelari in carcere.

ermes-2

 

Maria Vera Genchi

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*