Eleuterio e Mìlicia storia e paesaggio di una terra tra due fiumi

Bagheria, auditorium ITET “L. Sturzo” sabato 17 dicembre 2016 - ore 8:30

Nell’ambito del progetto “LA PIANA DELLA BAGARIA – TERRA TRA DUE FIUMI…IL PIACERE DELLA SCOPERTA”,  finanziato dal MIUR nell’ambito del Programma MADE IN ITALY-UN MODELLO EDUCATIVO realizzato in rete dall’ITET “DON LUIGI STURZO”, scuola capofila, dal LICEO CLASSICO “F. SCADUTO, e dall’I.C. CASTELDACCIA è stata  organizzata una Giornata di Studi  per fare il punto sulle attività di  ricerca,  conoscenza e  valorizzazione del patrimonio culturale del territorio compreso tra il fiume Eleuterio e MIlicia. Entrambi i fiumi hanno caratterizzato fortemente il paesaggio e le attività antropiche, si tratta, infatti, di una vera”mesopotamia” che vanta un storia antica, lo sviluppo di importanti sistemi produttivi legati alla coltivazione della terra e al mare e indubbiamente la nascita di un enorme e spesso incompreso patrimonio culturale. 
A questa prima giornata di studi che si terrà presso l’auditorium dell’Itet Sturzo sabato 17 dicembre a partire dalle 8,30, parteciperanno studiosi e ricercatori, archeologi e storici, architetti e urbanisti, rappresentanti della Soprintendenza BB.CC.AA di Palermo, il Parco Archeologico di Solunto e il Polo Museale “A. Salinas di Palermo. Il Saluto di benvenuto verrà dato dalla D.S prof. Alessandra Servito e dalla dott.ssa Maria Elena Volpes, soprintendente dei BB.CC.AA. di Palermo. Introdurrà i lavori la dott. Caterina Greco, direttrice del Centro per il Catalogo della Regione Siciliana. 
Sono invitati a partecipare gli studenti, i docenti delle scuole, le associazioni culturali e tutti i cittadini che voglio condividere un momento di approfondimento e di conoscenza del territorio che va vissuto, valorizzato e tutelato.
Si allega il programma dettagliato.
Saluti
Alessandra Servito dirigente scolastico ITET “L. Sturzo”
Maria Elena Volpes soprintendente ai BB. CC. AA. di Palermo
Introduzione
Caterina Greco direttore del Centro Regionale per l’Inventario, la Catalogazione
e la Documentazione
Interventi
Ignazio La Monica già docente ITET “L. Sturzo”
La scuola vive il territorio. Ripensare il passato per costruire il futuro
Emanuele Tornatore archeologo
Educare al patrimonio culturale: un’esigenza formativa e un diritto costituzionale
Barbara Lino architetto, ricercatore in Urbanistica UNIPA
Paesaggio come patto di comunità
Stefano Vassallo dirigente responsabile U.O.5 Soprintendenza di Palermo
Il patrimonio archeologico del territorio: problemi di tutela e ricerca
Francesca Spatafora direttrice polo museale “A. Salinas” Palermo
Indigeni, Punici e Greci sulla Montagnola di Marineo e nella Valle dell’Eleuterio
Maria Scibona archeologa
Monte Porcara, un insediamento nella Valle dell’Eleuterio
Paolo Zarcone laureando in Beni Culturali Archeologici
Il tracciato della Via Valeria tra l’Eleuterio e il Milicia: studio preliminare
Laura Di Leonardo funzionario archeologo Parco Archeologico di Solunto
L’area sacra di Solunto sopra il terrazzamento del teatro
A. M. Gabriella Calascibetta funzionario archeologo Soprintendenza di Palermo
La necropoli di Solunto
Salvatore Brancato libero ricercatore, docente ITET “L. Sturzo”
Il Monastero basiliano di Santa Maria di Campogrosso, centro politico per il controllo e lo sviluppo del territorio
Francesco Barna libero ricercatore, docente IPSSEOA “P. Piazza” Palermo
Il castello di Misilmeri tra XIV e XV secolo
Rosario Lentini storico dell’economia
Note sulle tonnare di Solanto e Sant’Elia nell’800
Rosario Scaduto architetto, ricercatore e docente in Restauro UNIPA
Per la conservazione, fruizione e valorizzazione delle ville storiche di Bagheria
Emanuele Tornatore archeologo
Il Coemeterio S. Christophori et divine misericordie in Santa Flavia. Documenti a confronto
Coordina
Concetta Giamporcaro docente ITET “L. Sturzo”
Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*