Giunta regionale delibera stato di calamità per i territori colpiti da nubifragi e stanzia i fondi per i primi urgenti interventi

Palermo, 28 nov. La giunta regionale riunita questo pomeriggio, su proposta
della protezione civile, ha deliberato la dichiarazione di stato calamità per i
comuni colpiti dagli eventi meteo avversi, registrati in Sicilia il 19, 24 e 25
novembre che hanno coinvolto diversi comuni nei territori di Agrigento,
Catania, Caltanissetta, Messina e Palermo. Sono stati stanziati 40 milioni di
euro per fronteggiare i primi danni strutturali a valere sul Poc e approvato un
emendamento di 4 milioni e 100 mila euro da inserire nella manovra finanziaria,
per le spese più immediate.
Con un’ulteriore deliberazione, dopo il censimento in corso da parte della
protezione civile, verranno quantizzati i danni: alle attività produttive, ai
privati, alle produzioni agricole e alle strutture pubbliche, che in atto
sembrano ingenti. “Con questo intervento – dice il presidente Crocetta – la
giunta affronta con atti concreti l’emergenza derivata dalle recenti calamità
naturali e dà una risposta immediata ai cittadini e alle istituzioni locali”.

Di seguito l’elenco di tutti i comuni colpiti e per i quali interverrà lo
stato di calamità:

TERRITORIO DI AGRIGENTO

Bivona, Burgio, Caltabellotta, Calamonaci, Cianciana, Realmonte, Ribera,
Sambuca di Sicilia, Santo Stefano di Quisquina, Sciacca

TERRITORIO DI CATANIA

Calatabiano.

TERRITORIO DI PALERMO

Campofelice di Roccella, Campofelice di Fitalia, Castronovo di Sicilia,
Mezzojuso, Montemaggiore Belsito, Lercara Friddi.

TERRITORIO DI MESSINA

Antillo, Barcellona Pozzo di Gotto, Casalvecchio Siculo, Castelmola, Forza d’
Agrò, Francavilla di Sicilia, Furci Siculo, Gaggi, Gallodoro, Giardini Naxos,
Letojanni, Messina, Monforte San Giorgio, Mojo Alcantara, Motta Camastra, Nizza
di Sicilia, Pace del Mela, Pagliara, Rometta, Savoca, Sant’Alessio Siculo, San
Filippo del Mela, Santa Lucia del Mela, Santa Teresa Riva, Saponara, Taormina,
Villafranca Sicula.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*