Atto intimidatorio all’assessore Miccichè

molti gli attestati di solidarietà

intimidazione all’assessore regionale al Lavoro Gianluca Miccichè

9f6ad8a060e8e0fbd4959771b423561e_xlUna busta con quattro proiettili è stata rinvenuta nella buca delle lettere della segreteria politica di via Angelo Lipani a Caltanissetta. All’assessore è stata affidata una tutela. Miccichè non commenta quanto è accaduto ma da quanto si apprende l’assessore continua a lavorare sereno.

Molti gli attestati di stima e solidarietà per Miccichè

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, esprime la propria vicinanza all’assessore regionale al Lavoro, Gianluca Miccichè “Nessuno pensi di intimidire o fermare l’operato di un governo che si batte per la trasparenza e la legalità – dice il Governatore

 

Solidarietà dai centristi all’assessore  Gianluca Miccichè, vittima di un’intimidazione. Sabato  scorso una busta con quattro proiettili è stata recapitata alla sua  segreteria politica a Caltanissetta. “Gianluca è un amico e un collega impegnatissimo che lavora con disinteresse personale, trasparenza e  onestà infinita – ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio – L’intimidazione che ha ricevuto è vigliacca e  miserabile per il contenuto e perché anonima. Sono certo che  Gianluca non indietreggerà di un millimetro e che la sua azione amministrativa non sarà scalfita”.

Di “gesto vile” da condannare “senza mezzi termini” parla il  capogruppo dei Centristi per la Sicilia Mimmo Turano che esprime  all’assessore la sua solidarietà e quella di tutto il gruppo  parlamentare. “Sono sicuro – afferma – che Miccichè non si lascerà  intimidire da chi vorrebbe destabilizzare un percorso incentrato sulla legalità e sulla trasparenza”.

il commento del deputato di Ap Dore Misuraca –“Un atto indegno che mi auguro sia condannato duramente da tutte le  forze politiche –   Pienamente condivisibile la decisione di assegnare la tutela  all’assessore. Lo Stato c’è e continuerà senza sosta nel suo contrasto al malaffare e a chi non vuole che la Sicilia si emancipi una volta  per tutte dalla criminalità organizzata”

 

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*