TORNANO NELLA CASA DI CAMPAGNA E SCOPRONO PIANTAGIONE INDOOR.

I CARABINERI ARRESTANO 21ENNE

Un normale casolare di campagna, uno dei tanti nelle campagne Vicaresi. I legittimi proprietari residenti a Palermo, erano diversi mesi che non passavano a controllare le condizioni. Ad approfittare della situazione ci ha pensato LUCA Francesco classe 1995. Lampade, ventilatori, bottiglie di fertilizzante e terriccio, un impianto degno del maggior pollice verde. Tutto alimentato da un allaccio abusivo alla rete E.N.E.L., collegata tramite un allaccio abusivo. Ad insospettire i Carabinieri della Stazione di Vicari gli strani movimenti annotati negli ultimi giorni in quell’area. È bastato appostarsi qualche ora per cogliere con le mani nel sacco l’improvvisato agricoltore, accompagnato in macchina fino al casolare da B.a. classe 1991, a sua volta denunciato a piede libero.

thumbnail_img-20161004-wa0037Centotrenta piante di marijuana, alte qualche decina di centimetri, piantate in vasi e disposte ordinatamente nel casolare, avrebbero fruttato un considerevole guadagno. E non solo all’odierno arrestato. È ormai noto che la criminalità organizzata ha da tempo concentrato la propria attenzione sui guadagni derivanti dalla coltivazione “diretta” di canapa indiana, sfruttando all’occorrenza anche giovani ragazzi quale sacrificabile manovalanza di infima lega, pienamente spendibile in caso di arresto da parte delle forze dell’ordine. Un concetto ancora restio ad attecchire nelle giovani coscienze, ammaliate dal miraggio di soldi facili e da falsi miti sui benefici terapeutici delle droghe leggere.

Tutto quanto rinvenuto è stato sequestrato, e dopo le analisi sarà distrutto.

LUCA Francesco, ventun anni attenderà l’interrogatorio di garanzia in carcere: per lui il Sostituto Procuratore ha disposto la convalida al G.I.P.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*