RAPPORTI INTERNAZIONALI

Orlando inaugura a L'Aia il Parlamento globale dei sindaci

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando è, unico rappresentante di una
amministrazione comunale italiana, oggi e domani presente a L’Aia in Olanda
all’incontro fondativo del “Parlamento globale dei Sindaci”.

Si tratta di una iniziativa promossa dal politologo statunitense Benjamin
Barber, cui hanno aderito in questa prima fase oltre 100 città di tutti i
continenti, fra cui Palermo, New York, Washington, Tokio, Parigi, Atene,
Bangkok, Capetown, Dar es Salaam, Guatemala, Kuala Lumpur, Kampala, Delhi,
Oklahoma city, Rabat, Rotterdam, San Salvador, L’Aia, Utrecht, Varsavia,
Dakar, Colonia, Seoul, Rio de Janeiro e Bruxelles.

Sono presenti, inoltre, rappresentanti di diverse Agenzie delle Nazioni
Unite, del Consiglio d’Europa e di reti di Organizzazioni non governative.

In particolare l’Agenzia UN-Habitat, di cui Orlando è vice-presidente
responsabile per Europa e Africa, con la quale il Parlamento dei sindaci
aspira ad instaurare un rapporto di collaborazione privilegiato per
l’elaborazione di programmi di sviluppo urbano attenti alle tematiche
globali.

Questa rete di città, ambisce infatti a creare una rete di sindaci ed
amministratori pubblici impegnati sui temi della governance, del
cambiamento climatico, delle migrazioni e dei rifugiati, sottolineando –
come ha detto Orlando nel suo intervento introduttivo in rappresentanza dei
sindaci europei – “lo straordinario ruolo attivo che in questi settori le
città hanno assunto sempre più a livello globale, in un momento in cui gli
stati nazionali e le grandi istituzioni internazionali come l’Unione
Europea segnano il passo, schiacciati da logiche burocratiche e che spesso
negano i loro stessi valori fondanti.”

“Le città – ha detto Orlando – rappresentano la storia nel panorama dei
sistemi istituzionali, ma allo stesso tempo sono oggi l’espressione del
miglior futuro possibile; la possibilità di un futuro nel quale la
globalizzazione non sia soltanto libera circolazione di merci, capitali e
dati telematici ma sia, soprattutto, espressione di libertà di movimento
per gli esseri umani, globalizzazione dei diritti umani e civili.”

L’intervento di Orlando all’assemblea plenaria è stata sottolineata dalla
trasmissione del materiale grezzo predisposto dalla TV Olandese VPRO, che
nei giorni scorsi ha realizzato diverse riprese nella nostra città, di cui
è stato esaltato il modello di approccio inclusivo e partecipativo sui
migranti, nonché il ruolo culturale e politico assunto con l’approvazione
della “Carta di Palermo” che promuove il diritto alla mobilità quale
diritto umano.

Il documentario sottolinea anche, attraverso il risalto dato al percorso
Unesco Arabo-Normanno, l’importanza assunta dalle attività culturali e
turistiche per lo sviluppo di una società armonica ed inclusiva.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*