“Indagine per una storia della baronia di Roccella e del feudo di Bonfornello”

il libro di Domenica Barbera

Campofelice di Roccella. Si presenta il libro di Domenica Barbera “Indagine per una storia della baronia di Roccella e del feudo di Bonfornello”

Nell’ambito della III rassegna Roccamaris. Incontri d’estate al Castello, la studiosa Domenica Barbera, presidente della sede di SiciliAntica di Campofelice di Roccella, mercoledì 20 luglio alle 21.30 presso il Castello di Roccella presenterà il suo ultimo lavoro dal titolo “Signori di Roccella e Bonfornello. Indagine per una storia della baronia di Roccella e del feudo di Bonfornello tra i secoli XVI e XVII”. All’incontro coordinato dallo storico dell’arte Giuseppe Fazio, saranno presenti oltre all’autrice Domenica Barbera, Alfonso Lo Cascio della Presidenza regionale di SiciliAntica e lo studioso Rosario Termotto, che dopo il saluto del Sindaco e dell’amministrazione comunale si confronteranno sullo studio Signori di Roccella e Bonfornello. Un’occasione per conoscere e approfondire un pezzo di storia del territorio di Roccella e la sua importanza per la vita economica, produttiva e occupazionale di un luogo e di una famiglia, quella degli Agliata. Una storia che intreccia il profilo umano della casata Agliata con il destino di un territorio, dalla crescita e lo splendore al suo inesorabile precipitare.

“Un territorio, un’economia, una famiglia. Sono questi i tre punti cardine su cui si snoda l’ultima fatica di Domenica Barbera. Il territorio è quello di Roccella e Bonfornello, una vasta area costiera chiusa tra la città demaniale di Termini e il centro vescovile di Cefalù; l’economia riguarda la produzione della canna da zucchero che per circa duecento anni segnerà il luogo dal punto di vista produttivo e occupazionale, ma purtroppo anche ambientale; la famiglia è quella degli Agliata, una casata che da Pisa, nel XIV secolo si era trasferita in Sicilia, acquistando prestigio e potere e ottenendo la signoria della Roccella e di Bonfornello” (Alfonso Lo Cascio, dalla presentazione del libro).

 

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*