Ficarazzi, il 19 Luglio “Le Vele della Legalità” per non dimenticare

A partire dalle ore 9,00 dal Club Nautico Marina di Aspra ( E non da Piano stenditore del lungo mare di Aspra, come asserito da inattendibili comunicati) salperanno Le vele della Legalità, in ricordo di Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta. L’evento è patrocinato dal Comune di Ficarazzi , Assemblea Regionale Siciliana con la collaborazione del Comune di Bagheria tramite la circoscrizione di Aspra ,la Lega Navale Italiana di Aspra e l’associazione comunità Aspra Marinara. Quest’anno la manifestazione vedrà svolgere una breve traversata a borde delle Prue Latine a bordo delle quali ci saranno diverse cariche istituzionali, esponenti dell’antimafia e parenti delle vittime.

Intorno alle ore 10 è previsto l’arrivo al Lido Crocicchia dove dopo un breve discorso introduttivo e l’intervento delle Istituzioni presenti, si innalzeranno le Vele della Legalità che vedranno salpare le due Prue Latine in direzione di Capo Zafferano sove verrà posta la bandiera della Legalità raffigurante Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

Nello stesso momento partirà dal Lido Crocicchia la staffetta della Legalità che vedrà protagonisti il primo cittadino di Ficarazzi a insieme a Patrizio Cinque, sindaco di Bagheria e Fabio Spatafora, sindaco di Casteldaccia. La staffetta percorrerà tutto il Viale Europa e si concluderà in Piazza Pietro Macchiarella, dove il Sindaco di Ficarazzi cederà il testimone a Luciano Traina, fratello di Claudio Traina, l’agente di scorta del giudice Paolo Borsellino.

Dinnanzi alla stele dedicata al giudice del pool antimafia e a tutte le vittime della scorta e in presenza della IV Commissione consiliare (Politiche di Controllo – Prevenzione delle Devianze e del Problema Mafioso), il sindaco deporrà una corona di fiori, in ricordo di uno dei magistrati che ha fatto dell’antimafia la propria ragione di vita.
Di Carmelo Pantano

Facebooktwittergoogle_plusmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*